Se lanciamo un dado, quante possibilità abbiamo che esca per tre volte consecutive il numero sei?

Venerdì 9 Aprile.  

Dalla comoda sedia del mio nuovo ufficio. 

Cara Federica, 

Lo so, la domanda dei dadi. 

Cosa diavolo c’entra? 

Dovevo solo inviarti un preventivo. 

Il problema è che ho litigato con la parola “preventivo” (pugni e calci). 

Hai presente? 

Parlo di quell’elenco freddo di voci, con delle cifre accanto, spesso a caso. 

“Anche no.” 

Sa di “vecchio”. 

E poi, non trasmette nulla. 

Mica vendiamo cucine. 😎 

Sono un Copywriter, Marketer e altre cose interessanti, trasmettere emozioni è il mio obiettivo. 

Si, si, chiaro. Non sempre vinco, ma mi diverte provarci. E poi, il più delle volte mi riesce bene e sono sicuro sarà così anche questa volta. 

Ti ho visto, hai alzato le sopracciglia.

 Come dire… “Vediamo…” 

A si, torniamo per un attimo alla questione dei dadi.

. . . 

Se lo chiedi a me, direi che è quasi impossibile. 

Voglio dire, quante probabilità abbiamo che esca per tre volte consecutive il numero sei? Direi molto poche. 

Ma, voglio che ti prendi qualche secondo per immaginare la scena. Hai fatto una scommessa con un tuo amico o amica, scegli tu. 

Si, chiaro, non è una scommessa intelligente, si tratta di fortuna. 

Ma immagina di farla durante un momento di poca lucidità, dopo aver bevuto due bicchieri di vino e magari dopo essere rientrata dal tuo turno serale al Bar dove lavoravi (ho sbirciato tra le tue foto) – tra l’altro è un lavoro che ho fatto anche all’età di 18 anni (è stata un’esperienza davvero significativa). 

Il premio? 1000 euro. 

Primo tiro: esce un sei. Così la seconda e anche la terza volta. 

Hai vinto la scommessa. 

Come ti senti? Appagata e felice, hai appena vinto, credo, l’equivalente di quello che era il nostro stipendio al Bar.

Va bene, torna qui. 

Cosa c’entra tutto questo ?

Tra poco ci arriviamo. 

Il mio nome è Francesco ma da qualche anno mi chiamano Franz, non chiedermi perché, non ne ho idea. Ho provato a darmi una spiegazione e credo che il motivo sia che Franz è più breve. 

Sai Federica, non credo di essere il migliore, forse non ci ho mai neanche pensato e non mi interessa esserlo. Ma il fatto che Giacomo abbia contattato me, tra centinaia, mi rende orgoglioso. Tanto orgoglioso. 

Incontrai Alfio la prima volta da Kyosaky a Rimini, nel duemila e qualcosa. Non ricordo l’anno. Avevamo appena pranzato, ci beccammo prima di rientrare in aula. 

“Cazzo, ma quello è Alfio”.

Avevo 25 anni e avevo appena iniziato a formarmi e quello era il mio primo evento a cui partecipavo. Scambiammo due parole, lo salutai e andai per la mia strada. 

Mai avrei pensato di essere qui a parlare con te. Soprattutto se ripenso al Francesco di 12 anni fa. Come mai avrei pensato di lavorare e collaborare con Roberto Re per sette anni. 

Sai cosa sto pensando?

Che probabilmente diventerò il primo ad aver collaborato con entrambi. 

sfregamento

“Ok Franz, cosa puoi fare per noi?” 

Ho un desiderio ardente di migliorare, un etica del lavoro “folle” e tanto talento e mi piacerebbe dimostrartelo, proprio ora.

Quindi, continua a leggere perchè sto per “regalarti” un pezzo di copy di rara efficacia che puoi usare già nella mail di domani.

Si lo so, avrei potuto scrivere di ciò che ho fatto, avrei potuto mostrarti i miei lavori, ma sarebbe stato scontato e noioso.

Ricordi il cucchiaio di Totti ai mondiali del 2006, contro l’Australia?

Ciò che sto per fare sarà il mio cucchiaio. 

In ogni caso sarò ricordato.

E si, amo rischiare. Se così non fosse stato sarei andato a lavorare in posta.

Giusto?

Bene.

Vedi, ho sempre desiderato lavorare nella nicchia “finanza e gestione del denaro”. 

E non perchè ho una particolare passione per questi temi. 

Il motivo è semplice. 

Sarò molto schietto.

Ci sono molti soldi da fare.

“Brutale onestà”. 

Ho fatto alcune ricerche e ciò che ho trovato è davvero interessante. Si stima che il solo settore della finanza personale avrà un valore di circa 2,7 miliardi di dollari entro il 2023

Questo significa che il mercato è in espansione e che avremo ancora più. opportunità per crescere e fare un lavoro che fa la differenza. Ma questo non è l’unico dato interessante.

Poi ho trovato anche un’indagine condotta dalla Consob per il Rapporto 2019 sulle scelte di investimento delle famiglie su circa 3000 intervistati è emerso che l’Italia è il popolo Europeo con meno familiarità con il mondo della finanza.

Nello specifico oltre il 30% degli intervistati, infatti, non sa nulla su cosa sia un’azione o come funzioni un conto corrente. Il 21% non conosce nessun concetto legato alla gestione dei risparmi. 

Ancora, un altro interessante articolo de “Il sole 24 ore”.

Quest’immagine è emblematica

Come in ogni classifica che si rispetti l’Italia è ultima.

Cosa significa? Mancanza di consapevolezza.

Nada.

Per “noi”, questo, è un dato positivo. Possiamo davvero migliorare i risultati dell’azienda. 

Oltre a ciò che ti ho mostrato, ho fatto altre ricerche, per due motivi:

– È un mercato che conosco poco (avevo bisogno di più informazioni)

– Le ho usate per scrivere il “pezzo” di copy che trovi poco più in basso.

Così tagliamo subito la testa al toro.

...

"Quello che segue è un annuncio pubblico urgente, dal presidente della Alfio Bardolla Training Group SPA - la più grande società di educazione finanziaria in Europa con 43000 persone formate, 3 sedi in Europa e più di 80 collaboratori"

***I fatti che stai per leggere possono sembrare incredibili, ma sono realmente accaduti. ***

Il tuo collo è pieno zeppo di sudore. Sudi freddo.

Sei all’interno di un negozio di alimentari affollato. 

Stai per pagare…

A pochi metri da te la cassiera pigia ripetutamente i tasti della cassa con le sue lunghe unghie rosse. Dietro di te, c’è una fila di persona in attesa di pagare.

Fai scorrere la carta per la terza volta.

Non succede niente.

Dietro di te qualcuno emette dei sospiri, le persone iniziano a spazientirsi. Li senti borbottare.

Infastidito, abbandoni la cassa, chiedi scusa e torni alla tua macchina. Tiri fuori il cellulare e chiami subito la banca. 

Ci vogliono 4 tentativi prima di ottenere una risposta. È solo un messaggio registrato… così confuso riagganci e avvii il motore dell’auto.

Sulla strada di casa ti fermi alla stazione di servizio.

L’addetto esce come al solito, ma prima che tu possa parlare ti fa una domanda:

“Stai vendendo o acquistando?”

Sei confuso.

Gli dici che sei li solo per fare il pieno, ma quando provi a dargli la tua carta di credito, improvvisamente indietreggia.

“Scusa, siamo chiusi amico, scusa”

Ti siedi per un momento, chiedendoti se è il caso di discutere con il ragazzo… Alla fine decidi di tornare a casa.

Racconti a tua moglie ciò che oggi ti è successo… lei pensa sia stato solo un problema tecnico di banca e che probabilmente tutto si sistemerà nel giro di poche ore.

Fai un cenno con il capo. Sei d’accordo, ma mentre ti addormenti, quella sera, hai la percezione che qualcosa di più serio sta per succedere.

All'improvviso sono le 4 del mattino e avverti una forte fitta nello stomaco.

Qualcosa non va…

Ripensi a ciò che è successo. 

Non pensi più al problema tecnico.

E il benzinaio?

La mattina seguente, per prima cosa, vai in banca. Non sembra aperta. C’è un pezzo di carta attaccato a una delle porte:

“Temporaneamente chiuso”

Nessuna spiegazione, solo un numero di telefono da chiamare e quello che sembra un logo del governo, ma non lo riconosci. Non hai idea a chi o a cosa appartiene.

Provi a fare quel numero… di nuovo quel messaggio pre-registrato. 

Riattacchi.

Sul lato destro dell’edificio noti un paio di bancomat. 

Entrambi hanno gli schermi rotti.

Mentre torni alla tua macchina, noti un uomo inginocchiato vicino a un camioncino parcheggiato li nelle vicinanze.

Ha un tubo che scorre dal serbatoio del camion a una tanica.

All’improvviso il tizio alza lo sguardo. Ti ha sorpreso mentre lo fissavi. Decidi di salire subito in macchina e andare via.

Tutto chiuso.

Lo stesso pezzo di carta ovunque.

Gli schermi rotti su tutti i bancomat che incroci per strada.

Questo non è solo un problema con la tua banca, tutta la città è praticamente chiusa.

Quando decidi di tornare a casa, via Ripamonti è completamente intasata. Prendi una strada alternativa che ti porta a passare davanti la stazione di servizio di ieri…

CHIUSO! 

C’è anche una grossa catena all’ingresso.

Fai anche in tempo a vedere un piccolo furgone e quattro uomini. Uno di loro tiene in mano un piede di porco.

Tua moglie è sollevata non appena ti vede rientrare. Decine di persone sono passate da casa per chiedere soldi, per tentare di vendere ogni cosa.

E non sono nemmeno persone del quartiere.

Accendi la TV.

Ciò che vedi sono le stesse cose che hai visto mentre eri fuori casa. Banche chiuse, vetrine sfondate, si parla di “crisi”, ma nessuno sa di preciso cosa sta succedendo.

All’improvviso lo schermo diventa nero.

“Servizio interrotto: aggiorna le tue informazioni di pagamento”

Spegli la tv e vai a guardare fuori dalla finestra.

Tua moglie ti chiede di contattare i vicini, ti sembra un ottima idea. Bisogna restare uniti.

Il sole sta iniziando a tramontare mentre un elicottero nero sfreccia all’orizzonte.

Non puoi più negarlo… Questo è l’inizio di qualcosa che aspettavi da molto tempo. Non hai mai saputo quando sarebbe successo e in che forma.

E forse, con il tempo, avevi smesso di credere che sarebbe accaduto. E mentre fissi fuori dalla finestra, ti chiedi quanto tempo durerà il cibo nella dispensa e cosa potresti dover fare se questa situazione non si risolverà rapidamente.

Ciao, mi chiamo Alfio Bardolla, e se non mi conosci sono il presidente della Alfio Bardolla Training Group. Ho fondato questa società nel 2006 e oggi siamo la più grande azienda di educazione finanziaria in Europa.

Le informazioni che sto per condividere con te non sono mai state rese pubbliche prima d’ora.

Vedi, in questo preciso momento, il nostro sistema bancario e il nostro governo sono impegnati in un’ ultima disperata resistenza contro qualcosa di catastrofico che da un momento all’altro potrebbe colpire il nostro paese.

Qualcosa che nessuno di noi potrebbe mai immaginare. Qualcosa che non pensi sia  possibile. Il debito pubblico italiano è arrivato al 160% del Pil ed è molto probabile che senza una svolta decisa di 180 gradi diventi ingestibile.

Prima o poi i mercati faranno pagare all’Italia il conto del debito. Nell’Unione Europea ci sono concorrenti che attendono il nostro fallimento per commissariarci come è accaduto in Grecia.

Sembra che stiamo per perdere la battaglia.

Quando questo succederà e probabilmente succederà, uno shock sistemico interromperà le nostre vite in modi che non avresti mai pensato possibili. 

Improvvisamente sarai impossibilitato a entrare nel tuo conto bancario. Non potrai prelevare contanti o depositare un assegno. Le tue azioni inizieranno a oscillare selvaggiamente, saranno fuori controllo.

Tutto questo, mi rendo conto, può sembrare perfino oltraggioso.

Ma come spero di mostrarti, è solo la conclusione logica di una serie di eventi e fatti che tra poco ti racconterò. 

Probabilmente sei anche scettico. Forse non mi conosci neanche…

Eccetera, eccetera…

Sei ancora con me?

Bene.

No, nessuna canna, ho smesso.

Se questo testo ti è piaciuto cosa aspetti?

A si scusa…

Questo è il mio numero:

3792468335

Hai tempo fino alle 20 di oggi 9 Aprile.

Per cosa?

Per contattarmi e ingaggiarmi, per il momento, a titolo temporaneo. 

Tre mesi per essere precisi (Aprile – Giugno).

Per carità, non è che se mi scrivi se poi obbligata.

In questi tre mesi lavoriamo insieme, ci conosciamo, probabilmente ci saranno momenti in cui ti incazzerai con me (lo ammetto, ho anche qualche difetto) e alla fine decideremo se sarà il caso di continuare.

In ogni caso avremmo lavorato a tanti progetti, sia io che tu avremmo un po’ più di esperienza e in ogni caso sarà stata una vittoria per entrambi.

“Si Fra, non mi hai ancora detto quanto mi costi…”

Anche qui, altri, probabilmente, avrebbero sparato cifre a caso.

E invece Franz cosa fa?

L’investimento per i primi tre mesi di collaborazione è di 12.000 euro.

6000 euro è la mia parte fissa. 

Gli altri 6000 euro sono la parte variabile che affido interamente a te.

Che significa?

Alla fine dei 3 mesi, mi scriverai un mail e deciderai, in base al tuo livello di soddisfazione, quanto ancora corrispondermi. 

Se sarai contenta è soddisfatta dei risultati presumo sarai felice di pagarmi l’intera cifra e ancora più felice di continuare a lavorare insieme.

Diversamente, meno sarai soddisfatta e meno io guadagnerò.

Ricapitolando.

Questo è il mio numero:

3792468335

Aggiungimi alla tua rubrica e scrivimi su WhatsApp la tua decisione.

Tic, Toc…

Hai tempo fino alle 20 di oggi 9 Aprile.

Saluti,

Franz.

PS: Tira i dadi, sarò il tuo triplo sei. 😉

PPS: Cosa è incluso nei 12000 euro? Il lavoro con le ragazze, il report strategico e il lancio di un progetto (avevamo parlato del “paccone” fisico”).

PPPS: Ti ho appena inviato la richiesta di amicizia su Facebook.  Così puoi sbirciare tra i miei post e avere un’idea ancora più chiara di me e di come lavoro.

PPPPS: Per Jack: Scusa se ti ho scavalcato ma ho scritto direttamente al Boss.

Oh merda, un popup (scusami).

Non è ancora il momento. Però, se vuoi sapere quando Progetto M è pronto, puoi nel frattempo iscriverti alla newsletter “Da 0 a 100k”. Documento e racconto il mio viaggio così da dare una mano VERA a chiunque vuole guadagnare abbastanza per poter vivere in modo libero e indipendente grazie a un “lavoro” online di cui essere davvero fieri e orgogliosi.

Sei davvero sicuro?

Ok, se proprio insisti… Documento e racconto il mio viaggio così da dare una mano VERA a chiunque vuole guadagnare abbastanza per poter vivere in modo libero e indipendente grazie a un “lavoro” online di cui essere davvero fieri e orgogliosi.

👋🏻 No Spam. No Vendita Spinta. Ti cancelli quando vuoi.

Sei davvero sicuro?

Ok, se proprio insisti… Ho ideato un corposo corso a puntate che ricevi nella tua email per i prossimi 30 giorni.